Mancini e Vialli: campione d’Europa dopo la diagnosi di cancro – I migliori amici allenatori dell’Italia

Roberto Mancini e Gianluca Vialli: titolo europeo dopo la diagnosi di cancro: i migliori amici dell’Italia stanno ancora affrontando la battaglia più dura

L’allenatore dell’Italia Roberto Mancini e il suo capo delegazione Gianluca Vialli sono amici intimi. Vialli ha ricevuto la diagnosi shock di cancro e ha combattuto più volte. Entrambi sperimentano emotivamente il trionfo dell’EM e superano anche un trauma sportivo.

Per i collegamenti in questa pagina, FOCUS Online potrebbe ricevere una commissione dal rivenditore, ad esempio per con segnato. Ulteriori informazioni

Quando gli italiani hanno rotto di gioia dopo la drammatica vittoria dell’Europeo sull’Inghilterra, sono scese le lacrime per Roberto Mancini e per il capo delegazione Gianluca Vialli.

I due amici intimi si abbracciarono. La foto ha fatto il giro del mondo. Questa vittoria significa per i due uomini molto di più di uno storico successo sportivo.

A Vialli viene diagnosticato uno shock con un cancro

Perché Vialli aveva combattuto anni prima una battaglia molto più difficile. L’ex attaccante ha annunciato pubblicamente di soffrire di cancro al pancreas, ma per il momento ha respinto con successo la malattia mortale. L’Italia era sotto shock.

Mancini, che ha rilevato la squadra italiana poco dopo aver fallito la qualificazione ai Mondiali 2018, ha reagito immediatamente alla brutta notizia dell’amico. Vialli è diventato solo l’ambasciatore EM e in seguito il capo della delegazione. Il compito dovrebbe dargli nuovo gusto per la vita dopo il colpo del destino.

Hansi Flick: la biografia (pubblicità)

Scopri subito di più sul nuovo allenatore della nazionale.

Mancini e Vialli: i “gemelli del cancello”

Ma il prossimo colpo basso seguì presto e il cancro tornò. Nell’aprile 2020, l’ormai 57enne ha rivelato di essere di nuovo libero dal cancro. Mancini ha anche esultato che i due compagni, insieme al resto della squadra di allenatori, abbiano creato una formidabile unità da un mucchio di macerie italiane, fosse una questione di poco conto in questo contesto.

In Italia Mancini e il suo attuale capo delegazione sono conosciuti come i “gemelli del gol” – in tedesco “gemelli gol”. Nel 1991 ha portato la Sampdoria Genova allo scudetto. Vialli ha contribuito con 19 gol all’unico “scudetto” della storia del club, Mancini ha segnato 13 volte.

EM 2021: Chiesa entusiasta di Vialli

Più tardi, i due amici, che si conoscono fin dalla loro giovinezza, hanno anche scritto un libro insieme. “La bella stagione”, in tedesco “La bella stagione”. Vialli ha così commentato la stagione scudetto del Genoa: “Una squadra fatta di amici che hanno investito ossa, sudore, sangue e fatica per – ognuno di loro come meglio poteva – portare a termine una missione, un’impresa: rendere possibile l’impossibile, lo status quo sfida e batti”.

Una descrizione che ricorda i neo campioni d’Europa.

È probabile che l’esperienza di Vialli abbia contribuito in modo significativo a questo trionfo. “Riceviamo molti consigli importanti. Vialli e gli altri membri dello staff tecnico sono stati dei campioni. Questo è molto importante per la nostra grande prestazione”, ha detto la stella cadente dell’Italia Frederico Chiesa prima della finale.

Wembley: Vialli e Mancini saldano il conto in sospeso

È proprio allo stadio di Wembley che Vialli e Mancini hanno vissuto la sconfitta più amara della loro carriera da giocatore.

Nella finale di Coppa dei Campioni – predecessore della Champions League – anche la partita contro l’FC Barcelona a Londra è andata in overtime. Il duo di attaccanti è corso senza successo, alla fine i catalani hanno vinto 1-0. Il conto aperto con il tempio calcistico degli inglesi è stato ormai saldato.

Forse Vialli e Mancini hanno reagito così emotivamente al successo perché sanno che la battaglia più dura deve ancora venire. Il cancro probabilmente tornerà ad un certo punto, questa malattia è troppo insidiosa. Quindi è desiderabile che Vialli la combatta di nuovo e che possa ancora vivere molti momenti emotivi.

Ma una cosa è certa da ieri: questo momento toccante in cui piange di gioia tra le braccia del suo amico non può più essergli tolto. E significa molto di più della coppa d’argento che presenterai con orgoglio ai tuoi connazionali italiani.

Nel video: i tifosi italiani festeggiano con tanta esuberanza il trionfo del Campionato Europeo sull’Inghilterra

Maggiori informazioni sulle finali del Campionato Europeo

Puoi leggere l’intera finale EM nel protocollo ticker qui

Combatti ad altezza d’uomo: l’anatra non mostra pietà con il bull terrier Max

secolo

annuncio