La Lega, uno dei principali partiti in Italia, arriva a Rosario

Per colpa di Nelle elezioni del 3 dicembre per il rinnovo dei Comitati del Rosario, è stato lanciato un partito italiano, La Lega.

In Argentina vive un milione di persone che, attraverso l’accordo tra Italia e Argentina, hanno la doppia cittadinanza e sono quindi italiane. Molti di loro sono a Rosario dove c’è un solo ufficio per rinnovare il passaporto.

Inoltre, completare il processo di cittadinanza italiana è un calvario che può durare fino a 11 anni. Ed è sempre più difficile ottenere appuntamenti in Consolato, e si stima che siano ancora tra i 5 ei 7 milioni di persone che possono accedere a questo beneficio.

Queste persone potrebbero perdere il diritto alla cittadinanza italiana, visto che esiste un progetto promosso dai partiti politici di sinistra (partito democratico e partner), per dare priorità all’immigrazione clandestina dall’Africa, piuttosto che agli argentini che utilizzano questo beneficio per andare in Italia in vacanza, per studio e lavoro.

La Lega de Matteo Salvini è il principale partito politico in Italia e uno dei più importanti d’Europa che è arrivato ora in Argentina, dove difende l’italianità, il suo sangue, le sue radici e la sua cultura.

Il progetto politico della Lega Argentina è composto da personalità di spicco del mondo professionale, sportivo, culturale e imprenditoriale come Guillermo Barros Schelotto, Daniel Amoroso, Federico Todechini, Nicolás Bossicovich, Vanesa Avaro, Leandro Ginobili, Manolo Contini, Marco Rastelli, tra i tanti altri.

È composto anche da un nutrito gruppo di giovani guidati dal calciatore Jonathan Burone e coordinati a livello nazionale dall’ingegnere Marcelo Bomrad, ed è rappresentato su tutto il territorio nazionale per lavorare a favore di tutti gli italiani con e senza documenti.

Oggi La Lega gestisce tre ministeri, 14 regioni e migliaia di comuni in Italia.

In Argentina ha l’obiettivo di integrare i Comitati, organismi che, insieme ai consolati, hanno il compito di rappresentare la cittadinanza davanti al console, oltre a promuovere attività culturali, sportive e imprenditoriali.

Pochi sanno della loro esistenza, dato che generano poca attività ufficiale e sono gestiti fin dall’inizio dallo stesso partito non italiano, con i risultati che tutti conoscono.

I comitati vengono eletti ogni cinque anni, e per votare è necessario compilare un modulo e richiedere il diritto di voto presso il consolato italiano di appartenenza.

La Lega si impegna a gestire più risorse per i consolati al fine di migliorare l’assistenza e accelerare le procedure, oltre a prevenire qualsiasi riforma giuridica che implichi una modifica del diritto dei figli e nipoti degli italiani ad essere cittadini europei.

Per maggiori informazioni visita il web: www.legacomites.com.

Adriana Zampa

"Fanatico del caffè. Amante dei viaggi professionista. Esploratore sottilmente affascinante. Nerd zombi. Creatore malvagio. Appassionato appassionato di musica."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *