Possiamo andare in Italia dal 3 maggio?

Domanda italiana

Possiamo andare in Italia e attraversare il confine a Mentone dal 3 maggio?

Ciao Italiano,

Sì, puoi viaggiare in Italia ma solo a determinate condizioni.

Se, in Francia, da lunedì non ci sono più certificati e restrizioni alla circolazione, i viaggi verso altri paesi rimangono rigorosamente limitati.

Fino al 15 maggio è necessario:

– presentare l’esito negativo di una PCR o di un test antigenico effettuato meno di 48 ore prima del viaggio;

– segnalarti appena arrivato in Italia all’autorità sanitaria regionale (la lista è qui);

– effettuare un isolamento di 5 giorni, anche se il test è negativo, presso un indirizzo indicato alle autorità sanitarie (abitazione privata o albergo);

– ripetere un test al termine del periodo di isolamento.

Tieni presente che, per tornare in Francia da un paese dell’area europea, devi presentare un test PCR negativo effettuato 72 ore prima della partenza. Questa misura non si applica a “viaggio dei residenti delle zone di confine entro un raggio di 30 km intorno alla propria abitazione per un periodo inferiore a 24 ore” e viaggi d’affari “la cui urgenza o frequenza è incompatibile con l’esecuzione di tale prova”.

Le eccezioni

Potresti essere esentato dal test e dall’isolamento mentre viaggi in Italia se:

– la tua permanenza non superi le 120 ore, ovvero 5 giorni, e che sei in viaggio per comprovate esigenze lavorative, sanitarie o di assoluta emergenza;

– transiti, con mezzi privati, sul territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore;

– sei un lavoratore frontaliero.

In altre parole, non si può attraversare il confine a Mentone solo per fare shopping a Ventimiglia.

Restrizioni in Italia

Dal 26 aprile la maggior parte delle regioni italiane si è trasferita in zona gialla per a “rischio moderato”: Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria, Veneto, Province di Trento e Bolzano.

Sono nella zona arancione, a “alto rischio”, le seguenti regioni: Basilicata, Calabria, Sicilia, Puglia, Valle d’Aosta. Solo la Sardegna resta in zona rossa per a “massimo rischio”.

Nella zona gialla è autorizzata la circolazione, hanno aperto negozi e cinema, bar e ristoranti possono aprire a pranzo e cena ma solo all’aperto (dopo il 1 giugno, al chiuso fino alle 18).

I dettagli delle restrizioni per regione sono specificati sul sito del governo France Diplomatie, disponibile qui.

Oltre alle misure adottate a livello regionale, si applicano altre restrizioni a livello nazionale.

Tra questi il ​​coprifuoco, in vigore dalle 22:00 alle 5:00, l’uso obbligatorio delle mascherine e il divieto di assembramenti all’interno e all’esterno.

Buona giornata.

Adriana Zampa

"Fanatico del caffè. Amante dei viaggi professionista. Esploratore sottilmente affascinante. Nerd zombi. Creatore malvagio. Appassionato appassionato di musica."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *