“I VACCINATI PASSANO UN NORMALE NATALE” Introdotti in Italia i pass super green

Nonostante la situazione epidemiologica in Italia sia attualmente sotto controllo e una delle più favorevoli in Europa grazie a una vaccinazione di grande successo, come ha affermato il presidente del Consiglio Mario Draghi, il governo ha deciso di introdurre un pass super green che restringe l’accesso a ristoranti, cinema e stadi .

I test saranno ancora possibili per andare al lavoro, in palestra e negli hotel, riporta RTS.

– In questo modo, tutti i vaccinati trascorreranno un Natale normale – ha detto Dragi.

L’introduzione di un pass super green in Italia nel periodo dal 6 dicembre al 15 gennaio porterà al fatto che chi non è stato vaccinato o non è stato contagiato non potrà entrare in cinema, teatri, ristoranti, stadi e feste, discoteche e partecipare a eventi pubblici. cerimonie.

Il pass verde ottenuto sulla base dei test sarà valido sul lavoro, nelle palestre, oltre che per le prenotazioni alberghiere.

Sarà richiesto un test negativo per kovid anche per i mezzi pubblici.

Ma queste non sono le uniche misure introdotte dal governo italiano, dal 15 dicembre polizia e carabinieri e insegnanti delle scuole saranno obbligati a vaccinarsi e la validità del pass verde sarà ridotta da 12 a nove mesi.

– Vogliamo prevenire il deterioramento per perseverare, vogliamo essere molto attenti per evitare tutti i rischi e riuscire a preservare ciò che siamo riusciti a preservare durante quest’anno. Ecco perché stiamo adottando queste misure – ha detto il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi in conferenza stampa e ha aggiunto di aver già ricevuto la terza dose del vaccino.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha dichiarato che dal 1 dicembre sarà possibile vaccinare con la terza dose tutte le persone di età superiore ai 18 anni se sono trascorsi cinque mesi dalla precedente vaccinazione.

Speranza ha affermato che attualmente è attesa una decisione da parte dell’Ema (Agenzia europea per i medicinali) e dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, che seguirà la decisione di Emina sulla vaccinazione dei bambini di età inferiore ai 12 anni. La decisione dovrebbe essere presa entro la fine della settimana.

Pfizer dovrebbe fornire “dosi pediatriche” entro la fine di dicembre.

Adriana Zampa

"Fanatico del caffè. Amante dei viaggi professionista. Esploratore sottilmente affascinante. Nerd zombi. Creatore malvagio. Appassionato appassionato di musica."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *