“Bestia” è la fatale Ferrari di George Monogiou

Durante il suo primo giro nella sua nuova auto, George Monogyios, 45 anni, un uomo d’affari e fratello della deputata delle Cicladi Katerina Monogyou, è stato ucciso. Nell’auto che aveva ricevuto poco prima dell’incidente mortale c’era anche la moglie, che era in cura per gravi ferite ma non era in pericolo.

“La prima immagine che abbiamo mostra che nessun’altra auto è coinvolta nell’incidente di ieri a Voula, dove l’autista ha perso la vita e la moglie è rimasta ferita. Stiamo raccogliendo video dalle telecamere della gestione del traffico della zona, mentre abbiamo incaricato un medico legale specializzato esperto di compilare una conclusione”. Lo sottolinea l’agenzia di stampa ateniese-macedone Sorgenti di traffico cper lo sconvolgente incidente d’auto, dove il lussuoso veicolo da 800 cv, guidato da un 45enne, improvvisamente ha lasciato il suo corso, è caduto su un albero ed è stato avvolto dalle fiamme, provocando la tragica morte del conducente.

Si segnala che le indagini preliminari per l’incidente sono svolte dalla Polizia Stradale ellenica.

Una “bestia” italiana a quattro ruote è stata guidata da George Monogyios che ha perso la vita giovedì sera.

Secondo le informazioni, Monogyios stava guidando per la prima volta la sua nuova vettura ad alte prestazioni, una Ferrari 488 Pista, ovvero una delle vetture più veloci di Maranello. Come suggerisce il nome, è la versione più veloce della 488, che punta alla massima esperienza di guida simile a quella di una pista.

A titolo indicativo, il motore V8 biturbo da 3,9 litri eroga 721 CV, con uno 0-100 km/h in appena 2,8 secondi e una velocità massima di 340 km/h.

La grande domanda che sorge dalle dichiarazioni dell’esperto esperto di traffico Panagiotis Madias a SKAI è come la supercar italiana all’avanguardia abbia preso fuoco così facilmente.

Fonte: skai.gr

Segui Skai.gr su Google News
ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Vicenzo Russo

"Evangelista della birra. Ninja dell'alcol. Appassionato di zombi appassionato. Futuro idolo dei teenager. Appassionato di musica. Esperto di cultura pop".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.