Il medico dello Zemun Health Center ha interrotto lo sciopero della fame

Il medico del centro sanitario di Zemun, Zeljko Ranilovic, che ha fatto lo sciopero della fame per 13 giorni e ha dormito sempre in macchina davanti al centro sanitario, ha interrotto lo sciopero della fame a causa di anni di mobbing da parte del regista ad interim Aleksandra Cvetkovic. Ha dichiarato per H1 di essersi ammalato il 13° giorno dello sciopero, dopodiché è stato ricoverato in ospedale per 10 giorni, quindi, come sostiene, ha dovuto porre fine allo sciopero.

“Dopo 13 giorni di sciopero della fame, a causa di molti anni di mobbing e discriminazione, oltre all’accesso illegale alle informazioni personali, concorso illegale per la specializzazione in cui sono stato gravemente danneggiato, e che è stato poi legalmente annullato, 20 mesi non retribuiti che, secondo a me e ad altri colleghi, è condotto dalla regista ad interim Aleksandra Cvetković, il 1° dicembre mi sono ammalato, dopo il turno pomeridiano. Sono stato ricoverato d’urgenza nel KBC Zemun. “A causa delle mie condizioni di salute pericolose per la vita, ho dovuto fermare lo sciopero”, ha spiegato Ranilović a H1.

Ha aggiunto che nel frattempo è andato a trovarlo il ministro della Salute, Zlatibor Lončar, che, come dice, ringrazia per la cura espressa per la sua salute e per il suo interesse a risolvere il problema.

“Ho contattato più volte RTS, ma si sono rifiutati categoricamente di pubblicare un rapporto relativo a questo caso. Durante la visita, il ministro della Salute, il dottor Zlatibor Lončar, mi ha detto che conosceva tutto, che in questo momento il più importante l’importante è riprendersi e che non c’è problema che non possa essere risolto”, ha detto.

“Come gesto di buona volontà, ho deciso di avere fiducia nelle assicurazioni e ho interrotto lo sciopero. Continueremo la lotta con tutti i mezzi legali disponibili, fino alla vittoria finale”, ha detto Ranilovic.

Tredici giorni di sciopero della fame, Ranilović è stato raggiunto da colleghi che hanno sospeso il lavoro per sostenerlo nello sciopero. Hanno poi detto ai media che avrebbero usato tutti i mezzi legali per ostacolare tutti i problemi che devono affrontare.

Augostino Trevisani

"Amante dell'alcol. Risolutore di problemi. Drogato di cultura pop in generale. Esperto di musica. Organizzatore devoto. Ninja della birra. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.