Le portaerei del pianeta: quante sono, quali paesi le hanno

La seconda guerra mondiale, e in particolare il conflitto USA-Giappone imperiale nel Pacifico, segnò la fine del corazzatacome “re dei mari”. Ottant’anni dopo, la portaerei continua a dominare (almeno fino a prova contraria), in quanto, in quanto aeroporto galleggiante, è una piattaforma mobile di potenza per aviazione, in grado di potenziare la propria potenza incorporando nel tempo tutte le nuove tecnologie, semplicemente acquisendo nuovi aeromobili.

Mentre entriamo in una nuova era di competizione tra grandi potenze, sempre più paesi stanno cercando di acquisire tali navi: grandi forze navali della storia come la Regno Unito e Giappone hanno ripreso la loro produzione, mentre altri paesi come Cina, Corea del Sud e Turchia acquisire il loro primo.

Il Meccanica popolare compilato un elenco di barche provenienti da 13 paesi diversi. L’80% di loro è in servizio e il resto in fase di sviluppo o costruzione navale. “Il messaggio è chiaro: se vuoi essere preso sul serio come forza navale, hai bisogno di una portaerei”. notato al riguardo.

Brasile: Esso ha Atlantico. Questo è l’ex britannico HMS Oceano, che era stato costruito come portaelicotteri per i Royal Marines. È una barca di 21.500 tonnellate e lunghezza 200 metri. Ritirato dalla Royal Navy nel 2018 e acquisito dal Brasile, che lo ha ribattezzato Atlantico e l’ha designata come portaerei multiruolo. Attualmente, in assenza di velivoli con equipaggio per portaerei, utilizza elicotteri, con la marina brasiliana che orienta le proprie attrezzature con droni.

Kfibra: Liaoning, Shandong. La prima è l’ex Unione Sovietica Variag, che non fu mai completato quando l’URSS crollò. Venduto in Cina, completato, modernizzato, messo in servizio come Liaoning nel 2012. Ha un dislocamento di 67.000 tonnellate a pieno carico, lunghezza 300 metri e trasporta 12 elicotteri e 26 caccia Shenyang J-15, con la capacità di trasportare 38-40 aeromobili in totale. Doveva essere la base per l’addestramento della prima generazione cinese di piloti navali e gettare le basi per la forza della portaerei del paese. Il Shandong, che è stato messo in servizio nel 2019, è quasi lo stesso, ma è stato costruito interamente in Cina. La Cina ne sta preparando anche un terzo, il Digitare 003, che sarà all’incirca delle stesse dimensioni, ma più avanzato e dovrebbe entrare in servizio nel 2024. Si stima che la Cina cercherà di costruire fino a 6 portaerei. Anche il Digitare 076, una variante della nave d’attacco anfibia Digitare 075, destinato all’uso droni.

Francia:Charles de Gaulle. È la prima portaerei a propulsione nucleare in Francia ed è entrata in servizio completo nel 2001. Ha una cilindrata di 45.000 tonnellate e una lunghezza di 260 metri, mentre è equipaggiata con 40 aerei – caccia multiruolo Rafale-M, radar volante E-2 Occhio di Falco ed elicotteri. Dovrebbe essere sostituita negli anni ’30 del 2000 da una nuova portaerei all’avanguardia da 75.000 tonnellate, che utilizzerà sia aerei con equipaggio che droni.

India:Vikramaditya, Vikrant. Solo la prima, una nave sovietica radicalmente ricostruita/modernizzata, è attualmente in servizio. Con un dislocamento di 45.000 tonnellate, utilizza 28 caccia MiG-29K ed elicotteri Kamov, raggiungendo un totale di 40 velivoli. Il Vikrant dovrebbe essere messa in servizio nel 2022. È la prima portaerei indiana di produzione nazionale e ha all’incirca le stesse dimensioni della Vikramaditya.

Italia:Giuseppe Garibaldi, Cavour. La Marina Militare Italiana dispone di due portaerei: La prima, Giuseppe Garibaldi, è una barca di 13.930 tonnellate e 179 metri con un massimo di 18 caccia AV-8B II + Harrier. È stato messo in servizio nel 1985 e dovrebbe essere sostituito nel 2022 dalla nuova nave d’attacco anfibia Trieste, che è modellato sulla classe americana Vespa, ad uso delle forze marine e con la possibilità di utilizzare il caccia F-35.

La seconda portaerei italiana è la Cavour, l’ammiraglia della flotta italiana. Entrata in servizio nel 2009, nel 2021 è diventata la prima nave da guerra italiana ad utilizzarla F-35. Può trasportare fino a 12 tipi di aeromobili e 12 elicotteri contemporaneamente.

Giappone:Izumo, Kaga. Un tempo era uno dei più grandi utilizzatori di portaerei al mondo. Il dopoguerra ha bandito le portaerei come mezzo di guerra offensiva, ma ha cambiato rotta alcuni anni fa: preoccupato per l’aumento della potenza navale cinese, annuncia la conversione dell’elicottero Izumo e Kaga su navi in ​​grado di utilizzare F-35 (con ogni nave in grado di trasportare 16 aeromobili di tipo).

Russia: L’ammiraglio Kuznetsov. È la più grande portaerei convenzionale del mondo e l’unica portaerei in Russia. Ha un dislocamento di 58.000 tonnellate e una lunghezza di 304 metri. Fu costruita in Ucraina durante la Guerra Fredda e dopo il crollo dell’URSS non fu molto utile – tuttavia, il presidente russo Putin la usa come simbolo del ritorno della Russia come grande potenza nell’arena internazionale (la nave è stata inviata anche in Siria per le operazioni militari). Può trasportare fino a 24 combattenti Su-33 Flanker-D e MiG-29K e sei elicotteri, ma è una barca molto “vecchia”, afflitta dalla sfortuna, in quanto, oltre a danni e incidenti, ha perso anche il serbatoio galleggiante, PD-50, che affondò. Tuttavia, dovrebbe essere prossimo alla fine di un programma di aggiornamento della durata di un anno, con l’obiettivo di restituirlo alla flotta russa alla fine del 2023.

Corea del Sud:CVX. Sarà il primo e sarà un caccia convenzionale F-35 ed elicotteri.

Spagna:Juan Carlos I. Si tratta di una portaerei leggera / nave d’attacco anfibia, dislocata 26.000 tonnellate e lunga 230 metri. È l’unico nella sua classe e trasporta combattenti Harrier.

Tailandia:Chakri Naruebet. È l’unica portaerei nel sud-est asiatico. È l’ammiraglia della marina thailandese, è stata costruita in Spagna ed è la più piccola al mondo, con un dislocamento di 11.000 tonnellate e una lunghezza di 182 metri. Una volta completato, nel 1997, ha portato 8 combattenti Harrier e 6 elicotteri Seahawk, mentre ha anche strutture speciali per il re di Thailandia. La barca è stata trascurata negli ultimi due decenni e raramente lascia il porto, mentre i suoi caccia sono stati ritirati per mancanza di pezzi di ricambio.

Tacchino:Anatolia, Tracia. La Turchia completa la sua prima portaerei leggera / nave d’assalto anfibia, Anatolia, chi è il “fratello” degli spagnoli Juanl Carlos I. Tuttavia, è discutibile esattamente con quale aereo sarà equipaggiato, come doveva prendere F-35, Ma la Turchia è stata espulsa dal programma a causa dell’acquisto di missili russi S-400. Invece, ora è previsto di essere dotato di prodotti fatti in casa droni Bayraktar TB3. La Turchia prevede di acquisire una seconda portaerei, la Tracia, sostenendo che sarà più grande del primo.

Regno Unito:La regina Elisabetta, principe di Galles. Alla fine degli anni 2000 il Regno Unito si “inchinò” per potenziare la sua forza di portaerei, sostituendo la vecchia Invincibile con barche più grandi e più forti. Ciò che seguì fu la classe Regina Elisabetta, consiste in Sua Altezza la Regina Elisabetta e HMS Principe di Galles. Sono le due più grandi navi da guerra nella storia della Royal Navy. Il dislocamento della classe è di circa 72.000 tonnellate, con una lunghezza di 280 metri. Sono convenzionali, con una caratteristica speciale: il design di una doppia isola (sovrastruttura), che è condivisa dal coreano CVX. L’aviazione è composta da 20-24 F-35, con cura per il trasporto fino a 36.

STATI UNITI D’AMERICA: Classi Nimitz, Ford, Vespa e America. Gli Stati Uniti hanno la maggior parte e la più grande portaerei del mondo. La US Navy ha due classi”superportanti», Τις Nimitz e Guado. La classe Nimitz, composto da 10 navi, ha un dislocamento di 105.000 tonnellate e una lunghezza di 332 metri. La classe Guado, che attualmente è costituito solo da USS Gerald R. Ford, ha all’incirca le stesse dimensioni e cilindrata, ma ha una tecnologia molto avanzata, che include un sistema di drenaggio elettromagnetico degli aerei, ecc. Queste due classi normalmente trasportano fino a 75 aerei, compresi i jet da combattimento F/A-18 E/F Super Hornet e F-35. Il USN intende costruire almeno cinque portaerei di classe Guado ed eventualmente raggiungere 11, sostituendoli completamente Nimitz entro il 2050.

Inoltre “superportanti“, il USN Ha anche una flotta di nove navi d’assalto anfibie Vespa e America. Ciascuno ha un dislocamento di 45.000 tonnellate a pieno carico e una lunghezza di 257 metri. Queste navi, progettate per le operazioni del Corpo dei Marines, trasportano normalmente 10 F-35 ed elicotteri, ma può trasportarne fino a 20 F-35B.

Vicenzo Russo

"Evangelista della birra. Ninja dell'alcol. Appassionato di zombi appassionato. Futuro idolo dei teenager. Appassionato di musica. Esperto di cultura pop".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.